La modernizzazione delle reti per far fronte a un panorama di app in costante mutamento

Pubblicato il 09/12/2020 by vmwareitaly

Di Rodolfo Rotondo, Principal Business Solution Strategist di VMware (EMEA)

In azienda parlare di networking può rappresentare un’ardua impresa. Per molti versi, la rete è la “vittima” del proprio successo: se funziona bene, non attira l’attenzione e la sua operatività viene data per scontato. Eppure, in un contesto di modern apps business-critical, il networking è fondamentale. Le app e i microservizi sono sempre più diversificati e affamati di dati. Le reti ne stanno diventando la parte integrante, fungendo da canale unificante, sulla falsariga di una rete mesh, in grado di offrire esperienze digitali agli utenti finali.

Con una forza lavoro sempre più distribuita e le persone che si affidano sempre di più alle modern apps, al cloud e ai nuovi dispositivi, le organizzazioni devono saper riconoscere il ruolo che una rete moderna ricopre oggi nell’agevolare l’IT aziendale moderno e nel garantire la soddisfazione dell’end user.

Il networking tra modern apps e dati, elementi vincenti per il business

App e utenti sono sempre più affamati di dati, e la natura di questi ultimi, così come la loro localizzazione, sono cambiati. I dati sono oggi molto più eterogenei, diffusi ovunque, dal data center all’edge agli endpoint. Sono anche in rapida crescita. Entro il 2024 saranno infatti disponibili più di 750 milioni di app, un valore sestuplicato in soli dieci anni.

Anche le caratteristiche stesse delle app stanno cambiando rapidamente. Le app tradizionali erano costituite da sezioni di codice monolitiche, in genere collocate su un singolo server. In questo scenario, il ruolo principale della rete era quello di fornire connettività point-to-point. Le modern apps native per il cloud sono però molto diverse. Sono costituite da una serie di piccoli moduli distinti, i cosiddetti microservizi, che possono trovarsi ovunque e che comunicano tra loro tramite la rete per formare l’app. Questo rende la rete parte integrante della modern app stessa, dando vita a un caso d’uso completamente nuovo per il networking.

Anche le alte aspettative degli utenti finali di avere tra le mani app ricche di funzionalità stanno dettando questi cambiamenti, con gli sviluppatori che devono essere in grado di consegnarle sempre più rapidamente. Ciò richiede nuove reti, simili a quelle mesh, in grado di adattarsi automaticamente e senza soluzione di continuità ovunque si trovino dati e app. La maggior parte delle infrastrutture di rete tradizionali non sono adatte a questo scopo. Le organizzazioni, oggi, necessitano di una rete moderna automatizzata, scalabile e agile, che soddisfi le esigenze delle aziende.

Il networking nel contesto della deperimetrazione

Sicurezza e networking sono sempre andati di pari passo ma, con l’aumento delle minacce e la crescita delle esigenze delle reti, stiamo assistendo a una convergenza ancora più rapida. Di conseguenza, la deperimetrazione, ovvero il continuo assottigliamento della linea di confine della rete di un’organizzazione con ciò che è esterno, sta diventando la norma, allo scopo di accogliere modern apps cloud native, SaaS, e di abilitare anche lo remote working.

La deperimetrazione comporta però grandi sfide. La prima è la complessità. Poiché le organizzazioni implementano modern apps spesso estese ad ambienti on-premise, cloud ed edge, l’IT fatica a gestire portafogli e servizi con diversi livelli di coerenza. La seconda è l’estensione della superficie di attacco: l’aumento della comunicazione di rete tra e all’interno di queste applicazioni distribuite fa sì che si moltiplichino le opportunità di violazione.

Il miglioramento della sicurezza tramite la rete, piuttosto che con una serie di soluzioni polarizzate, agevola un approccio alla sicurezza “zero-trust”, insieme ai benefici in termini di intelligence, automazione e agilità che ne derivano.

Fattori chiave di una rete moderna efficace

Il networking moderno è un’evoluzione virtuale Software-Defined della rete fisica tradizionale, che sfrutta qualsiasi tipo di infrastruttura esistente. Consente una connettività universale e coerente e fornisce sicurezza intrinseca sia alle modern apps sia a quelle tradizionali che soddisfano la domanda degli utenti, in modo rapido, automatizzando le policy di rete e di sicurezza.

Una rete moderna è costituita da:

  • Servizi di connettività delle modern apps

Una Modern Network utilizza funzionalità come il service mesh, in modo che le app possano comunicare internamente e tra loro, e modelli di sicurezza come il Secure Access Service Edge (SASE), per offrire alle reti l’agilità di adattarsi alle mutevoli esigenze aziendali in tempo reale.

  • Virtualizzazione di rete multi-cloud

Una rete moderna deve essere automatizzata, in grado di autoripararsi utilizzando l’Intelligenza Artificiale e il Machine Learning per riconfigurare regolarmente le politiche di networking e sicurezza. Anche qui entra in gioco SASE, che guida il traffico packet-by-packet attraverso più cloud per ottenere la migliore user experience.

  • Indipendenza dall’infrastruttura di rete fisica

Il networking software-defined consente l’agilità, ma l’infrastruttura di rete fisica sottostante gioca ancora un ruolo fondamentale. Agendo come una piattaforma polivalente, è controllata dalla rete virtuale in overlay e può essere riconfigurata e reindirizzata per soddisfare i requisiti aziendali.

Affidarsi a una rete moderna per realizzare il successo del proprio business

Sappiamo bene quanto la customer experience incida sul successo aziendale e come essa sia alimentata proprio dalle modern apps e dai dati che circolano. Una Modern Network è progettata per soddisfare al meglio le esigenze dell’utente finale, sia un dipendente o un cliente. Non consente solo un migliore allineamento con i risultati di business, ma offre anche – e soprattutto – una Digital Foundation indispensabile per alimentare il nuovo mondo digital first.


Categoria: News & Highlights

Tag: , , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 27/11/2017 da blogsadmin

Aruba Global Cloud Data Center: la tecnologia VMware nel data center più grande d’Italia

Il 6 ottobre scorso, Aruba ha inaugurato il più grande data center d’Italia, un’area di 40.000 mq che è solo il primo passo verso la realizzazione di un progetto ancora più grande, 200.000 mq di superficie totale del campus. Quello del Global Cloud Data Center di Ponte San Pietro è un progetto ambizioso e un’eccellenza […]

Pubblicato il 02/10/2019 da vmwareitaly

I team IT e i responsabili aziendali possono collaborare efficacemente per migliorare la sicurezza IT?

A cura di Sylvain Cazard, VP SDDC EMEA, VMware Le minacce IT stanno rapidamente crescendo in volume, scala e sofisticazione e questo richiede che, nell’ambito della sicurezza informatica, tutta la macchina organizzativa sia ben oliata: poiché evidentemente le strategie attuali non si stanno rivelando così efficaci, tutti i dipendenti e le funzioni devono collaborare maggiormente per […]

Pubblicato il 02/09/2020 da vmwareitaly

La chiave per la business continuity? Le app di nuova generazione

A cura di Ed Hoppitt, Director of Apps and Cloud Native Platforms VMware, EMEA Negli ultimi mesi abbiamo potuto sperimentare come gli eventi abbiano accelerato i trend di trasformazione digitale già in atto. Da un progressivo abbandono del denaro contante a favore dei pagamenti digitali a un maggior numero di persone che lavorano da casa, […]

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy