Ansaldo Energia trova l’agilità e la scalabilità perfetta per affrontare le sfide future

Pubblicato il 26/10/2020 by vmwareitaly

Ansaldo Energia ha migrato sul cloud i sistemi per il monitoraggio dei Power Plant dei propri clienti. La scelta iniziale è stata per un cloud pubblico: una scelta che però ha mostrato alcuni limiti, in termini di flessibilità di gestione e trasparenza. L’adozione di VMware Cloud on AWS ha garantito invece caratteristiche di flessibilità e semplicità nella gestione dei sistemi paragonabili a quelle di un datacenter on premise, con un TCO inferiore del 30% rispetto alla configurazione precedente e con la possibilità di valorizzare le competenze interne ed esterne a disposizione dell’azienda. E i sistemi di monitoraggio dei plant? Operativi e accessibili 24/7 a livello globale.

La Sfida

L’IT di Ansaldo Energia, uno dei principali attori internazionali nel settore della generazione di energia con oltre 4.500 dipendenti in tutto il mondo, è una struttura centralizzata di shared services che opera da Genova per tutto il gruppo, in tutti i continenti. Tra i compiti più critici, nell’area del supporto alle operation, le attività di monitoraggio e diagnostica garantiscono la raccolta dei dati da più di 200 power plant connessi con il centro di controllo di Genova. “L’accesso ai dati in tempo reale sull’operatività delle centrali è un vincolo forte per il servizio che eroghiamo ai nostri clienti: in alcuni casi, la continuità del servizio diventa un vincolo contrattuale”, spiega Ivan Monti, Head of ICT Infrastructures and Operations in Ansaldo. “Occorreva trovare una soluzione per garantire questo accesso 24/7 ad Ansaldo e ai clienti”. Il cloud sembrava la soluzione naturale per questa sfida, ma che tipo di cloud? Risale al 2016 la decisione di spostare questi sistemi dalle infrastrutture on premise verso un cloud pubblico targato Amazon Web Services.

La Soluzione

A Ivan Monti e al suo team è affidata nello specifico la gestione dei sistemi di cui parliamo. “Il cloud pubblico ci garantiva livelli di servizio eccellenti, ma dopo il primo periodo di esercizio ci eravamo accorti che il livello di flessibilità e di nostra capacità di gestione era inferiore rispetto a sistemi on premise”, spiega Monti. Quando VMware e AWS annunciano la disponibilità in Europa di un nuovo servizio di cloud ibrido, “VMware Cloud on AWS”, in Ansaldo Energia raccolgono la sfida. La soluzione “permette ai clienti di far girare le applicazioni in ambienti cloud privati, pubblici e ibridi basati su VMware vSphere”. È la possibilità di realizzare quella continuità tra on premise e cloud, da loro invocata, con la ben conosciuta tecnologia di virtualizzazione e gestione dei sistemi adottata da tempo in Ansaldo. Il progetto viene affidato a Storm Reply, che già aveva contribuito a gestire la prima migrazione verso AWS. Il resto è storia di questi ultimi mesi, con una nuova migrazione, più rapida e semplice della prima, dal cloud pubblico di AWS a VMware Cloud on AWS.

Risultati e Benefici

“Con VMware Cloud on AWS abbiamo ritrovato la dinamicità e l’autonomia della nostra architettura on premise, con tutti i benefici che ne derivano, sia in termini di migrazione, sia in termini di manutenzione e gestione successiva”, spiega Monti. In più, Ansaldo Energia ha la possibilità di aggiungere nuovi host fisici, come se fossero istanze virtuali su AWS in maniera del tutto dinamica e istantanea. “Siamo partiti con tre host ma quando abbiamo aggiunto il quarto sono bastati davvero due clic”, racconta Monti. “La stessa semplicità di orchestrazione ci garantisce che se volessimo cambiare macchine in diverse regioni potremmo usare più istanze VMC in regioni diverse, senza alcun disservizio, il che sarebbe impossibile con un approccio IaaS tradizionale su qualsiasi vendor di cloud pubblico”. Grande flessibilità e sicurezza, quindi, con la capacità di rimodulare la configurazione del datacenter a seconda delle esigenze e con la garanzia dell’affidabilità del cloud a livello globale. “Lo scorso anno abbiamo dovuto spegnere un datacenter a causa di un uragano, con chiusura fisica dei nostri uffici. Il team che eroga il servizio di Supporto ai nostri Clienti ha continuato però ad operare da un’altra location, raggiungendo senza nessun problema i nostri sistemi di monitoraggio che, nel frattempo, sono rimasti attivi”, ricorda Monti. Infine i costi. “Rispetto alla configurazione offerta dal cloud pubblico, con VMware Cloud on AWS abbiamo raggiunto importanti elementi di efficienza relativamente alla capacità operativa, con una riduzione dei costi superiore al 30% a parità di potenza elaborativa installata”, dichiara Monti.

Conclusioni

Oltre ai sistemi di monitoraggio, Ansaldo Energia ha già migrato su VMware Cloud on AWS altre componenti applicative, come i portali di collaboration, precedentemente gestite on premise e su cloud pubblico. In prospettiva, il prossimo step di evoluzione potrebbe riguardare la creazione di un nuovo tenant VMC in un’altra region, in un’ottica di affidabilità su scala globale a tutela delle operation aziendali. “Abbiamo sperimentato che il passaggio diretto dall’on premise a un cloud pubblico ha un impatto non indifferente in termini di gestione dei sistemi e può fornire livelli di facilità di gestione e di trasparenza non del tutto adeguati”, conclude Ivan. “La proposizione VMware rappresenta una giusta via di mezzo tra un cloud pubblico e l’on premise, in quanto offre tutta la scalabilità e la continuità di servizio che ormai ci aspettiamo dal cloud, assicurando al contempo la flessibilità, la trasparenza e la semplicità di gestione di un software defined datacenter”.


Categoria: Casi di successo

Tag: , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 10/11/2020 da vmwareitaly

888 Holdings anticipa le sfide della Brexit equipaggiandosi per la data regulation

In uno scenario avverso, l’azienda di gaming si è mossa in netto anticipo grazie all’adozione di un modello ibrido. VMware Cloud on AWS ha assicurato agilità aziendale e una migliore efficienza nell’IT. Ci sono eventi che le aziende sono in grado di anticipare, altri che vengono pianificati e, infine, circostanze e scenari che si verificano […]

Pubblicato il 19/09/2018 da vmwareitaly

Demistificare il cloud ibrido e la digital transformation

A cura di Sunny Sahajpal, EMEA Strategic Alliances Manager, VMware   Per un’azienda interessata a intraprendere un percorso di trasformazione digitale, è importante dare priorità agli specifici risultati di business. Le soluzioni tecniche dovrebbero essere secondarie, poiché servono a sostenere gli obiettivi, non a influenzarli, e concentrarsi troppo sull’infrastruttura può ostacolare le possibilità di successo […]

Pubblicato il 26/10/2020 da vmwareitaly

Global Impact Report 2020: l’impegno di VMware per costruire un business responsabile e un futuro resiliente

Nel settembre 2020, VMware ha pubblicato l’ultimo Global Impact Report. Il Report evidenzia l’impegno dell’azienda a  essere una forza per il bene e riporta i risultati raggiunti. In un periodo di continue sfide globali – dalla pandemia COVID-19, ai cambiamenti climatici, all’incertezza geopolitica e all’ingiustizia sociale – VMware è impegnata a supportare i propri clienti […]

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy