Able Tech e la sfida della fatturazione elettronica

Pubblicato il 24/03/2020

Il primo gennaio 2019 la fatturazione elettronica è diventata obbligatoria in Italia per tutte le transazioni tra aziende e verso i privati. Una rivoluzione per le aziende italiane e una sfida per Able Tech, che rende disponibile a migliaia di utenti, in qualità di intermediario, il proprio servizio cloud per la fatturazione. L’infrastruttura a supporto doveva garantire decine di migliaia di utenti contemporanei e offrire tempi di latenza minimi, in condizioni di sicurezza e protezione dei dati. Brennercom ha offerto una piattaforma cloud altamente scalabile che ha permesso di gestire al meglio un volume di clienti più che doppio rispetto alle più rosee aspettative. Alla base dell’infrastruttura lo stack tecnologico VMware, a cominciare da vCloud Director.

 

La Sfida

Nell’ambito delle soluzioni per il document management, la fatturazione elettronica rappresenta un ambito di grande sviluppo per Able Tech – ARXivar, che da diversi anni eroga ai propri clienti un servizio cloud con cui questa azienda bresciana svolge il ruolo di intermediario, sia per l’intermediazione della fattura elettronica sia per tutti i servizi di conservazione elettronica a norma dei documenti fiscali che vengono transati verso l’Agenzia delle Entrate.

Claudio Vigasio ha fondato Able Tech ed è artefice del progetto ARXivar, oggi è Presidente e CEO di questa realtà emergente che innova i processi di gestione elettronica dei documenti e dei processi. “Sapevamo che la fatturazione elettronica sarebbe stata una svolta epocale che avrebbe dato una spinta all’adozione, da parte delle aziende del nostro Paese, di procedure digitali per svolgere le più comuni operazioni amministrative e contabili. È un’occasione per le imprese italiane di recuperare quel gap di produttività che le separa dagli standard dei più avanzati paesi europei”.

La Soluzione

Claudio Santiago Abad è Technology & Innovation Manager in Brennercom e ricorda bene quell’incontro. “Ho chiesto ai rappresentanti di Able Tech se avevano un’idea del numero di utenti contemporanei che avrebbero potuto accedere al servizio di fatturazione”, ricorda Abad. “Volevano crescere, sapevano di poter crescere, ma non sapevano quanto. Perché rinchiudersi in un cloud privato allora, quando si può far leva sulla scalabilità e la connettività del cloud 2.0 di Brennercom, abilitato dalle più recenti tecnologie VMware?” Per Able Tech, Brennercom mette a punto una configurazione cloud pubblica che offre tutta la scalabilità necessaria e l’accesso ai nuovi servizi e alle tecnologie disponibili in tempi nettamente inferiori rispetto a una soluzione privata. E gli aspetti relativi alla sicurezza? Grazie alle caratteristiche del servizio cloud abilitato dai sistemi VMware, Able Tech può tenere “fuori dalla porta” le minacce in modo più efficiente, oltre a offrire una serie di strumenti per regolare meglio l’accesso ai servizi nel rispetto degli SLA.

“Oggi la tecnologia evolve a ritmi così elevati che ognuno di noi ha il sentimento di rimanere indietro”, dichiara Abad. “Per fortuna c’è VMware, che per noi è un compagno di strada e un punto di riferimento con il suo software dedicato ai datacenter”. Il cloud 2.0 di Brennercom fa leva sullo lo stack delle più recenti tecnologie VMware, a cominciare da vCloud Director, una piattaforma di distribuzione di servizi cloud utilizzata dai grandi cloud provider mondiali per le operation e la gestione delle attività di cloud Services. È la tecnologia migliore per distribuire risorse cloud sicure, efficienti ed elastiche ad Able Tech e agli utenti che accedono al servizio. Il suo approccio basato su policy permette di garantire che i clienti abbiano a disposizione risorse virtuali isolate, autenticazione basata su ruolo indipendente e controllo granulare. “vCloud Director ci consente di automatizzare workflow complessi e distribuire una vasta gamma di servizi, preservando allo stesso tempo controllo e visibilità, questo significa che i nostri tecnici si possono concentrare sulla gestione dell’infrastruttura, senza dover inseguire le richieste dei clienti”, spiega Abad. Sono proprio le persone di Able Tech infatti a gestire in autonomia le risorse elaborative e di storage del tenant a loro assegnato.

I Benefici

Inesorabile, il primo gennaio 2019 si presenta sul calendario e partono le prime fatture elettroniche del nuovo anno, prima poche e poi sempre più numerose. I servizi erogati da Able Tech raggiungono numeri impressionanti: nel mese di gennaio sono 22 milioni le fatture trasmesse da ARXivar all’Agenzia delle Entrate. Solo nel mese di febbraio, sono state poco più di 8 milioni con una media di 300.000 fatture al giorno e punte massime di 600.000 fatture al giorno. Il tempo medio di evasione di una fattura è di 2 secondi. Nel picco massimo è stato di 2 minuti, un tempo comunque eccezionale se si lavora in momenti di sovraccarico.

Per quanto riguarda le fatture passive ricevute, i clienti che hanno scelto il servizio di Able Tech hanno emesso 8 milioni e mezzo di fatture da gennaio 2019, con 150.000 fatture medie al giorno e punte massime di 300.000 fatture al giorno nei periodi di chiusura del mese. Il tempo medio di evasione della fattura dal momento di ricezione dall’Agenzia delle Entrate alla messa a disposizione del cliente è di un solo minuto.

Able Tech riceve 38 milioni di chiamate al giorno. Il tempo medio di evasione di queste chiamate è 100 millisecondi. Un numero incredibile che, per essere gestito, necessita di un’infrastruttura sottostante solida e performante, in grado di garantire l’affidabilità e la sicurezza necessarie a una tale mole di richieste in transito. E il numero degli utenti? Al di là delle più rosee previsioni. “Oltre 58.000 imprese ci hanno scelto per l’intermediazione della fatturazione elettronica e per tutti i servizi di conservazione a norma dei documenti fiscali che vengono transati verso l’Agenzia delle Entrate” commenta Vigasio. “Questo successo premia le nostre soluzioni e servizi e testimonia la scalabilità, l’affidabilità e la sicurezza del cloud di Brennercom e delle tecnologie VMware a supporto”.

“Il successo di Able Tech è la dimostrazione dell’importanza di un fondamento tecnologico solido come VMware, in grado di offrire una tecnologia allo stato dell’arte che ci permette di soddisfare appieno le esigenze sempre più complesse dei nostri clienti e di far fronte in modo veloce e con flessibilità alle esigenze del mercato”, commenta Abad.

“Brennercom per Able Tech è più di un fornitore, è un partner affidabile con cui collaborare per garantire sempre livelli eccellenti di servizio,” conclude Claudio Vigasio. “La loro competenza e la tecnologia VMware ci hanno dato la base su cui costruire il successo delle nostre soluzioni e dei nostri servizi per la fatturazione elettronica”.


Categoria: Business

Tag: , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 14/03/2018 da marcoa

Il percorso verso il Digital Workspace

In VMware parliamo del percorso verso il digital workspace da anni. Ma se mettiamo 10 persone in una stanza e chiediamo loro che cos’è uno spazio di lavoro digitale o come arrivarci, otterremo almeno 25 risposte interessanti ma molto diverse fra loro. Il digital workspace si manifesta in molte forme diverse: dall’accesso self-service, al catalogo […]

1 minuti di lettura
Pubblicato il 12/07/2018 da vmwareitaly

Le aziende si sforzano di eseguire, non di innovare

Il report della Cass Business School commissionato da VMware identifica le nuove sfide che le aziende affrontano nel trasformare grandi idee in realtà L’incapacità di trasformare idee in nuovi prodotti, servizi e strategie, al passo richiesto, sta mettendo le aziende in seria difficoltà. Questo è quanto emerge da un nuovo report realizzato da parte di […]

1 minuti di lettura
Pubblicato il 26/04/2018 da marcoa

VMware Cooking Tech Talk – Flan di verdure e le priorità IT

Nata 20 anni fa nella Silicon Valley con la virtualizzazione server, VMware ha saputo crescere nel tempo adattando la propria strategia, vision e roadmap alle esigenze del mercato integrando persone con seniority, skill e provenienze diverse, ma quali sono gli ingredienti del suo successo? Le priorità IT per VMware sono quattro: Modernize Datacenter, Integrate Public […]

1 minuti di lettura

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy