VMworld 2019 Europe – DAY 2

Pubblicato il 07/11/2019 by vmwareitaly
NOTA BENE: questo articolo è più vecchio di un anno e potrebbe non essere aggiornato con gli eventi recenti o le nuove informazioni disponibili.

Il secondo giorno del VMworld 2019 Europe è stato grandioso! ?

Nella sessione di apertura di ieri mattina, Ray O’ Farrell, Executive VP di VMware, ha parlato delle sfide che le aziende devono affrontare nel percorso per la digital transformation, oggi e per il futuro. È stata l’occasione per spiegare come sfruttare al meglio l’infrastruttura moderna e per sottolineare come le sfide complesse richiedano soluzioni complesse. Le demo tecniche (compresi gli aggiornamenti dei nuovi prodotti) hanno coperto quattro aree chiave per dimostrare la potenza delle soluzioni VMware ora disponibili:

1) BUILD AND RUN: Joe Baguley, VP e CTO, EMEA di VMware, ha parlato di Pivotal, Tanzu Mission Control e ha spiegato perché l’offerta Kubernetes di VMware ha rappresentato la scelta migliore per Swisscom.

2) CONNECT AND PROTECT: Marcos Hernandez, Chief Technologist, Networking and Security di VMware, ha presentato NSX-T Intelligence, Carbon Black Workload per classificare e mitigare qualsiasi alert in qualsiasi ambiente e ha raccontato come Deutsche Telekom, alimentata da VeloCloud, sta abbracciando la trasformazione digitale abbandonando le proprie piattaforme legacy.

3) MANAGE: Purnima Padmanabhan, VP Products, Cloud Management Business di VMware, ha evidenziato i vantaggi economici di WaveFront, Magna e CloudHealth, che contribuiscono a ridurre proattivamente i costi sul cloud e a fornire raccomandazioni per l’ottimizzazione, come il rightsizing e la governance per la definizione delle policy di budget.

4) EXPERIENCE: Shikha Mittal, Director Product Management and Strategy di VMware, ha discusso come, per la prima volta, la sicurezza degli endpoint con Carbon Black e la gestione degli endpoint con Workspace ONE possano consentire a un’unica piattaforma di gestire tutti i dispositivi e le applicazioni all’interno di un’organizzazione. Migros utilizza questa tecnologia, che ha facilitato un programma bring-your-own-device di successo offrendo ai dipendenti un facile accesso alle applicazioni critiche di cui hanno bisogno per svolgere il proprio lavoro.

In conclusione, Ray ha evidenziato come l’interazione dinamica tra applicazioni, infrastrutture, cloud, networking, sicurezza e dispositivi vada a formare la VMware Digital Foundation, come questa aiuti le aziende a risolvere problemi reali, e come clienti e partner possono affidarsi a VMware per guardare al futuro e intraprendere insieme il percorso per diventare “digital-first”.

Dopo Ray O’Farrell, il palco è passato a Greg Lavender, Senior VP e CTO di VMware, che ha dichiarato: “La cultura dell’innovazione in VMware è la migliore che abbia mai sperimentato. Lavorando insieme otteniamo il meglio. Lasciamo il segno!”.

E come se questo non bastasse a dare energia al pubblico e a fare sentire tutti i partecipanti più “empowered” per i loro futuri viaggi digitali, Bear Grylls, alpinista estremo, militare, due volte vincitore del BAFTA, autore di successo e Colonnello Onorario, ha affascinato la platea con la sua collaudata formula per allenare la resilienza per realizzare i propri obiettivi e incoraggiare l’innovazione:

  • Fallimento – Abbraccia il fallimento, rende resilienti.
  • Paura – Non scappare mai dalle tue paure, usale come motivazione.
  • Fuoco – Trasforma le sfide in potere, non arrenderti mai.
  • Fede – Abbi fede in te, negli altri, in una forza del bene universale, perché dopo tutto…”L’Everest è solo uno stato d’animo”.

Se hai perso la General Session di ieri, guarda il video nella nostra library on-demand.

Fra gli altri showcase keynote del giorno:

  • HCI con John Gilmartin, GM e SVP Hyperconverged Infrastructure di VMware, che ha discusso di come rendere l’infrastuttura “a prova di futuro”. Come? Abilita l’hybrid cloud, modernizza e implementa tutti i carichi di lavoro.
  • Multi-Cloud con Joseph Kinsella, VP e CTO, Prodotti e Cloud Health di VMware, che ha descritto le strategie necessarie per operare su scala e ha discusso come sfruttare l’innovazione di AWS, Azure, Google Cloud e altri, senza aumentare esponenzialmente la complessità.
  • Modern Apps con Craig McLuckie, VP R&D, Cloud Native Apps di VMware, Eryn Muetzel, Director Product Management, e James Watters, SVP, Strategy di Pivotal, che si sono focalizzati sull’utilizzo ottimale di Kubernetes per soddisfare le esigenze di entrambi gli operatori e gli sviluppatori, con una panoramica iniziale su VMware Tanzu Mission Control.
  • Sicurezza intrinseca con Shawn Bass, VP e CTO, End User Computing, e Tom Corn, Senior VP di VMware, che hanno analizzato come l’infrastruttura VMware possa davvero rivoluzionare la cybersecurity. I prodotti VMware, che potresti non aver considerato per la sicurezza, sono in grado di supportare le tue applicazioni, i tuoi dati e i tuoi utenti, e insieme a prodotti di sicurezza come AppDefense, possono fornire un enorme valore aggiunto al tuo team di sicurezza.

 

Altri annunci e novità dal VMworld:

Oltre alle sessioni principali, sono state tantissime le attività disponibili per gli oltre 13.000 partecipanti. Sono stati seguiti oltre 4.369 Hands-On Labs, sono state completate più di 124 certificazioni e più di 253 persone hanno partecipato alle 62 tavole rotonde “Meet the Expert”.  Nel frattempo, sono stati consumati 40.000 caffè e 10.000 birre ?

Coloro che avevano bisogno di prendersi un momento per rilassarsi si sono goduti un’area relax chiamata Meadow, sponsorizzata da HP, che offriva la possibilità di portare a casa dei sacchettini di semi da piantare e coltivare nel proprio giardino. L’area Solutions Exchange è stata, naturalmente, uno dei luoghi più frequentati del VMworld, tra gli espositori che servivano cibo e cocktail e alcune attrazioni speciali come motociclette e un’auto da corsa!

Siamo rimasti davvero impressionati dal numero di partecipanti che hanno deciso di investire nella propria carriera, nell’espansione delle proprie competenze, nella formazione professionale e nel networking con colleghi di tutto il settore.

E ieri sera quale modo migliore per festeggiare se non con una grande VMfest? Il DJ nella sala principale, la band RJP e la straordinaria esibizione dello Showman Circus hanno dato il via alla serata, che si è conclusa con una strepitosa performance degli Stereophonics!

Detto questo, non è ancora finita…segui uno dei nostri Hands-On Labs da casa per provare i prodotti che hai sempre desiderato testare. Guarda tutti i video disponibili on-demand. E, naturalmente, unisciti alle conversazioni online usando l’hashtag #VMworld!

Leggi anche il nostro riepilogo degli altri giorni di VMworld qui: 

VMworld 2019 Europe – DAY 1

VMworld 2019 Europe – DAY 3

 


Categoria: News & Highlights

Tag: , , , , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 02/07/2019 da vmwareitaly

Protezione dell’infrastruttura applicativa: ecco i vantaggi per i nostri clienti

È indubbio che la natura delle applicazioni sia cambiata radicalmente rispetto al passato: mentre in precedenza le app risiedevano esclusivamente nei data center, oggi sono distribuite in numerosi server, virtuali e fisici e container. Di conseguenza, le strategie tradizionali basate sulla sicurezza del perimetro non sono più efficaci: le app e i dati richiedono di […]

Pubblicato il 21/07/2020 da vmwareitaly

VMware Cloud Foundation: la scelta giusta per strutturare un’azienda resiliente preparata a un futuro flessibile

a cura di Alberto Bullani, Senior Director HCI SEMEA VMware Negli ultimi mesi, governi, aziende e cittadini hanno dovuto reagire a una situazione senza precedenti che ha posto tutte le organizzazioni davanti alla necessità di adottare rapidamente nuovi modi di operare per garantire la Business Continuity e le iniziative di home working. Dopo una fase […]

Pubblicato il 25/07/2017 da blogsadmin

“Il mio VMworld”: i ricordi di David Baldinotti, Computer Gross

David Baldinotti, Business Unit Manager di J.Soft, divisione software di Computer Gross Il primo VMworld al quale ho partecipato è stato quello del 2012 di Barcellona, era un momento in cui il tema legato alla virtualizzazione dell’infrastruttura stava andando a una velocità clamorosa. Intorno al Software-Defined Data Center c’era un forte interesse e tutti avevamo […]

Commenti

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy