Cloud compatibili tra loro? Un sogno che VMware sta per realizzare

Pubblicato il 15/07/2019

Hervé Basso, Head of Cloud Providers Business, Southern Europe Middle East & Africa, VMware

 

La maggior parte della comunicazione inerente al cloud viene da pochi giganti digitali e questo porta spesso a dimenticare il ruolo importante rivestito dai Service Provider in termini di vicinanza, supporto e servizi a lungo termine offerti ai propri clienti. Oltre all’offerta di servizi generici, la trasformazione ancora da realizzare riguarda le applicazioni critiche, con una portabilità complessa che richiede servizi su misura in base alle specificità delle aziende e delle app. Proprio qui risiede il valore aggiunto della rete di service provider. La sfida attuale è quella di effettuare con successo il passaggio verso il cloud ibrido e il multi-cloud.

I service provider sono partner della trasformazione verso il cloud

L’analista di Gartner, Rao Santhosh, sostiene che le aziende che non applicano una strategia cloud-first non terranno il passo dei concorrenti. Nel corso del 2019, secondo Gartner, il tasso di adozione del cloud da parte delle aziende si avvicinerà all’85%. La riduzione dei costi e l’agilità promesse dal cloud sono diventate realtà e le numerose applicazioni su cui si basa la nuova economia dei dati sono progettate per la maggior parte in modo nativo sul cloud. La maggior parte dei service provider ha migliorato la propria disponibilità e i requisiti di sicurezza con l’obiettivo di migrare e ospitare anche le applicazioni critiche. In Italia, sono 150 i partner VMware che offrono già servizi diversificati per ospitare le app critiche e i sistemi ERP (Enterprise Resource Planning), i dati sanitari, i siti di e-commerce internazionali e le applicazioni multimediali.

Siamo ancora lontani dall’aver esaurito tutto il potenziale del cloud

Il tasso di adozione del cloud è aumentato sicuramente, ma rappresenta ancora solo il 20% delle applicazioni esistenti. Dovremmo raggiungere il 50% in pochi anni, poiché i service provider stanno ampliando la propria offerta e aumentando il proprio valore. Le aziende lo vedono non solo come un modo per portare agilità alle proprie infrastrutture IT, ma anche come un’opportunità per accelerare l’adozione di nuove tecnologie (Intelligenza Artificiale, Blockchain, IoT…) riducendo i tempi di sviluppo. Le aziende potranno stare al passo con il ritmo rapido dell’innovazione tecnologica solo creando un hybrid cloud che combini i vantaggi del cloud privato con la varietà del cloud pubblico. Sempre più aziende sono tentate di ricorrere a più fornitori cloud e di realizzare il multi-cloud. Le ragioni sono diverse: evitare di essere legati a un unico fornitore, offrire servizi in varie parti del mondo, rispettare le norme specifiche del proprio contesto di business, ecc. Tuttavia, l’abbondanza di offerte non dovrebbe mascherare il rischio di una maggiore complessità nella gestione di più cloud provider.

Il multicloud è sinonimo di complessità?

Milioni di applicazioni devono ancora essere migrate in cloud. Si tratta di progetti strategici che continueranno per molti anni a venire ed è necessario evitare qualsiasi approccio che porti a un aumento delle complessità.  Per gestire un hybrid o un multi-cloud è impensabile limitarsi a riunire diversi team e competenze mantenendo la struttura dei data center tradizionali divisi in silos. Per avere successo, è necessario ottenere una migliore compatibilità tra il cloud aziendale privato e i diversi servizi di public cloud.  Attraverso questa integrazione, un unico team sarà in grado di gestire efficacemente tutti i cloud con la stessa tecnologia, gli stessi metodi e strumenti. Potrà inoltre offrire il controllo della migrazione end-to-end, la portabilità delle applicazioni e la mobilità del carico di lavoro in linea con gli obiettivi di costo e gli accordi sul livello di servizio (SLA). La sicurezza sarà coerente su tutti i fronti e saremo finalmente in grado di rispettare le scadenze per la delivery di nuove applicazioni.

VMware è il comune denominatore nel cloud

In un contesto in cui sono coinvolti molti attori, il modo più semplice per ottenere questa compatibilità è cercare il denominatore comune. La maggior parte delle applicazioni in tutto il mondo funziona in ambienti VMware; per semplificare il deployment di un cloud privato e la sua gestione operativa, il software VMware è stato integrato per formare una Cloud Foundation alla base dell’infrastruttura digitale. Un approccio equivalente è stato adottato per i service provider, trasferendo il software sulle loro apparecchiature hardware sotto forma di una “Cloud Provider Platform” che utilizza le stesse tecnologie della Cloud Foundation, adattandolo al contesto di un service provider come la necessità di poter gestire in modo massiccio più clienti (multi-tenant). Con l’utilizzo di questa piattaforma, i cloud privati e pubblici formano un ambiente omogeneo che può essere gestito efficacemente attraverso processi di industrializzazione. Molti partner VMware hanno già adottato questo approccio in Italia, tra cui IBM, TIM, Aruba, Dedagroup, OVH, Engineering, Irideos ecc.

VMware ha il più grande ecosistema cloud con 4.000 Service Provider in tutto il mondo, di cui oltre 2.000 in Europa e questa vasta rete di partner è in grado di coprire tutte le esigenze cloud in termini di tecnologia, vicinanza geografica e business.

Le imprese devono essere in grado di dedicare la maggior parte dei propri sforzi allo sviluppo del business e alla competitività. Per raggiungere questo obiettivo, l’approccio e la tecnologia VMware offrono maggiore coerenza per accelerare l’adozione del cloud, riducendo notevolmente le incertezze e le difficoltà. Con la potenza dei 150 Cloud Provider VMware Cloud in Italia, ogni azienda può ottenere con facilità il supporto più adatto alla propria strategia e alle proprie esigenze.


Categoria: Business

Tag: , , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 16/03/2018 da marcoa

Come mettere in sicurezza un ambiente IT in costante cambiamento?

Joe Baguley, CTO EMEA, VMware La sicurezza non funziona se tutto ciò che stiamo facendo è cercare di stare al passo con un panorama in continua evoluzione in termini di minacce e attacchi informatici: saremo sempre un passo indietro. La sicurezza informatica è un argomento caldo per tutti, non solo le grandi organizzazioni e gli […]

3 minuti di lettura
Pubblicato il 15/04/2019 da vmwareitaly

La Digital Foundation è fondamentale per promuovere la digital transformation

Alberto Bullani, VMware Senior Director, HCI SEMEA Veicoli a guida autonoma, domotica, dispositivi indossabili, droni commerciali, nuovi metodi di pagamento digitale. Quale impatto possono avere sulla tua azienda? Oggi più che mai, la tecnologia è un elemento propulsivo fondamentale per il business poiché offre il potenziale per accelerare il time-to-market di nuovi prodotti, servizi e User Experience. […]

3 minuti di lettura
Pubblicato il 01/06/2018 da marcoa

Perché partecipare al Gartner IOM quest’anno

Siamo quasi pronti per aprire le porte all’eccellenza operativa con clienti e partner al Gartner IOM (Infrastructure & Operations Management), il 5 e 6 giugno. L’Infrastruttura e le Operations IT (I&O) sono il cuore della trasformazione digitale sicura. Poiché le aziende adottano tecnologie, metodologie e strumenti in rapida evoluzione, abbiamo visto l’innovazione e l’efficienza prosperare […]

2 minuti di lettura

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

*

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy