Tre pilastri per adottare un nuovo modo di lavorare

Pubblicato il 08/05/2019

Man mano che il mondo diventa più connesso, la forza lavoro risulta sempre più diversificata e varia. Il lavoro non è più un’attività confinata a un luogo specifico, ma consiste nella capacità di essere produttivi ovunque, indipendentemente dagli strumenti utilizzati.

Secondo il nuovo report di IDC intitolato Becoming “Future of Work” Ready: Follow the Leaders solo le organizzazioni agili che innovano e si trasformano sopravvivranno. Tutte le altre che non riusciranno ad adattarsi al cambiamento globale del mondo del lavoro cederanno il passo alla concorrenza.

Questa capacità di cambiamento è sostenuta da tre pilastri: cultura, Workspace e forza lavoro.

Ognuno di questi elementi assicura un cambiamento continuo, ma solo valorizzandoli insieme le aziende riusciranno a trasformarsi con successo ed essere competitive nell’era digitale. Non si tratta di un percorso semplice: infatti, la ricerca di IDC rivela che solo il 30% delle organizzazioni europee[1] sta attuando dei piani per cambiare i metodi di lavoro e reinventare il modo di relazionarsi con i dipendenti, i partner e i clienti.

Esaminiamo in dettaglio ognuno di questi pilastri.

Cultura

La cultura di un’organizzazione può rappresentare la sua risorsa più preziosa: Netflix avrebbe raggiunto il successo diventando il simbolo della rivoluzione digitale se non avesse trasformato completamente la filosofia aziendale attraverso l’empowerment dei dipendenti e la totale autonomia del personale?

D’altro canto, la cultura può diventare per un’azienda un fattore estremamente negativo se viene trascurata e lasciata a sé stessa, scostandosi sempre di più dagli obiettivi previsti. Inoltre, una cultura negativa demoralizza i dipendenti, allontana i clienti, compromette la reputazione dell’azienda e ne distrugge il valore.

Le aziende che non riescono a fornire ai dipendenti l’accesso agli strumenti giusti per creare un ambiente di lavoro più agile, creativo e produttivo si troveranno ad alimentare una cultura che produce risultati diametralmente opposti: una forza lavoro poco propensa al cambiamento, gestita da un approccio al lavoro basato su “comando e controllo”. Secondo una ricerca di VMware sul Digital Workspace, grazie all’empowerment dei dipendenti con ampio accesso a tutte le applicazioni necessarie per svolgere le attività di lavoro e non solo, la produttività del personale può risultare fino a 5 volte superiore.

Inoltre, le aziende possono migliorare il proprio business grazie alle iniziative dei dipendenti supportate dalla fiducia dei dirigenti.

Questo nuovo equilibrio offre ai dipendenti in prima linea gli strumenti (inclusa la piattaforma digitale sottostante) e la libertà mentale di cui hanno bisogno per innovare e svolgere il proprio lavoro. Si tratta di un cambiamento culturale che, in ultima analisi, diventa un fattore decisivo di differenziazione competitiva.

Workspace

Il concetto di lavoro “dalle 9 alle 18” è ormai superato, come anche l’idea di “sede di lavoro”. I dipendenti non vogliono sentirsi obbligati a restare alla scrivania per otto ore al giorno, preferendo la flessibilità di poter lavorare quando e dove si sentono più produttivi.

In questo modo, le organizzazioni possono realizzare un Digital Workspace ideale in un mondo aziendale in cui stanno emergendo “hub collaborativi” e politiche di lavoro flessibili, insieme alle app vocali e agli strumenti basati sull’intelligenza artificiale che aiutano i lavoratori indipendentemente dalla loro posizione.

IDC ritiene che entro il 2021 il 60% delle aziende G2000 (una classifica annuale di Forbes delle prime 2.000 aziende al mondo quotate in Borsa) avrà adottato un modello di Workspace del futuro: un ambiente di lavoro sia virtuale sia fisico, flessibile, intelligente e collaborativo per migliorare l’esperienza e la produttività dei dipendenti. Infatti, da una nostra ricerca emerge che, durante la giornata di lavoro, i dipendenti che hanno a disposizione app a elevata accessibilità dedicano circa il 20% di tempo in meno ai processi manuali, riscontrano un aumento della collaborazione e prendono le decisioni più rapidamente.

Tuttavia, in questo scenario è fondamentale mettere sempre al centro la sicurezza. Man mano che il vincolo delle ore di lavoro e le politiche tradizionali diventano obsoleti, i confini aziendali perdono una chiara definizione e questo può destare preoccupazione per i team di sicurezza IT.

I modelli di infrastruttura di sicurezza tradizionali non sono più applicabili in quanto i nuovi ambienti di lavoro generano flussi continui di dati tra diversi dispositivi, in tutto il mondo. Non sorprende quindi che la sicurezza digitale rappresenti l’iniziativa principale1 per le aziende che considerano di adottare nuove strategie di lavoro. La protezione del Digital Workspace richiede funzionalità di sicurezza integrate a tutti i livelli (utenti, app, endpoint e rete) tramite il software.

Forza lavoro

La composizione e la natura della forza lavoro si stanno trasformando in modo radicale. Da un lato, i cambiamenti demografici incidono sulle dimensioni, l’età e la diversità della forza lavoro; dall’altro, le tecnologie intelligenti stanno aumentando e automatizzando il lavoro, offrendo nuove opportunità per la creazione di valore all’interno delle organizzazioni. IDC rivela che un terzo delle aziende alla ricerca di nuovi modi di lavorare crede che almeno un quarto della propria organizzazione utilizzerà attivamente l’intelligenza artificiale nel lavoro quotidiano nei prossimi tre anni.

Le tecnologie intelligenti abiliteranno nuovi livelli di produttività, precisione e Business Intelligence, consentendo ai dipendenti di imparare dai propri errori per migliorarsi (la forza lavoro ha la possibilità di sbagliare, correggere e riprovare): questa capacità è fondamentale per il successo delle organizzazioni.

La creazione di un Digital Workspace realmente efficiente richiede un’attenzione costante all’esperienza dei dipendenti che deve garantire una maggiore libertà di scelta.

Digital Workspace

Sono molte le tecnologie che possono essere considerate cruciali per la digital transformation, ma il Digital Workspace è certamente uno degli aspetti più importanti. L’architettura della piattaforma, le funzionalità di gestione e sicurezza e l’approccio incentrato sull’esperienza sono perfetti per rispondere alle esigenze del nuovo mondo del lavoro.

Ma non è facile cambiare i metodi di lavoro e implementare la strategia necessaria: la trasformazione richiede tempo e investimenti. Adottando questo approccio basato su tre pilastri, le aziende potranno sfruttare i vantaggi offerti da un’esperienza più incentrata sull’utente per i clienti, i dipendenti e il business.

Per scoprire come implementare questi tre pilastri nella tua organizzazione, visita il sito: https://www.vmware.com/learn/50579_REG.html??src=sp_5cd08f12b01ea&cid=7012H000001gcB2

[1] Fonte: IDC EMEA, Future of Work, novembre 2018


Categoria: Business, Notizia

Tag:

Articoli correlati

Nessun articolo correlato trovato

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

*

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy