Business Continuity e sicurezza della rete favoriscono la crescita internazionale del gigante delle assicurazioni svizzero

Pubblicato il 28/03/2019

Helvetia è una delle compagnie di assicurazioni leader in Svizzera. L’acquisizione della rivale Nationale Suisse nel 2014 ha ampliato ulteriormente l’attività, ma ha aperto una nuova questione: come si consolidano quattro data center in due?

La sfida ha dato al team IT la possibilità di reinventarsi. Il progetto poteva permettere a una realtà abituata a cambiamenti graduali di compiere l’audace passo verso un ambiente Software-Defined Data Center completamente nuovo, accelerando la digital transformation di Helvetia e rendendo possibile offrire i servizi ai clienti in modo più rapido, semplice e personale.

Per raggiungere questo scopo, Helvetia si è appoggiata a VMware e alla soluzione VMware NSX Data Center, che ha permesso di creare un Software-Defined Data Center (SDDC) e di distribuire le funzionalità di rete e sicurezza interamente nel software, astraendole dall’infrastruttura fisica sottostante. In un attimo Helvetia è diventata più efficiente e più agile.

Inoltre, l’azienda ha scelto VMware vCloud Suite, che mette insieme le soluzioni leader del settore VMware vSphere Hypervisor e la piattaforma di Cloud Management VMware vRealize Suite. vRealize Suite ha offerto agli sviluppatori un’infrastruttura di facile utilizzo (che supporta VM e container) e un approccio comune all’hybrid cloud e al multi-cloud.

Helvetia dispone adesso di due data center active-active nell’area di Zurigo. L’intero progetto è stato completato in 18 mesi.

Questo ha rafforzato la business continuity, offrendo un’infrastruttura più efficiente e permettendo a Helvetia di commercializzare nuovi servizi più rapidamente. Il reparto IT è anche diventato più produttivo: il team di Helvetia è adesso in grado di gestire un maggior numero di servizi con lo stesso personale e riuscirà a integrare più facilmente nuove acquisizioni o a scalare verticalmente l’infrastruttura per gestire le aree di crescita.

Andreas Hagin, Lead Engineer, IT Infrastructure, di Helvetia ha commentato: “Dal mio punto di vista non è possibile fare a meno di VMware vRealize Network Insight, poiché ci offre visibilità sull’intera infrastruttura virtualizzata e accelera la nostra digital transformation. Il mercato sta cambiando e il time-to-market è essenziale. Il nuovo mondo multicanale ci impone di agire rapidamente e adesso abbiamo potere di elaborazione e l’agilità per farlo.”

Per ascoltare le dichiarazioni di Andreas Hagin sul percorso di Helvetia verso la digitalizzazione, guarda questo video.


Categoria: Business

Tag: , , , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 05/03/2019 da vmwareitaly

Trasformazione della forza lavoro: il percorso verso il digital workspace

Michele Apa, SE Manager Italy South di VMware   L’evoluzione del mondo del lavoro Il modo in cui assumiamo le persone sta cambiando. Il lavoro per la vita, la carriera, trenta anni nella stessa azienda sono tutti concetti che stanno gradualmente scomparendo e che vengono sostituiti dalla gig-economy, con un aumento del numero di lavoratori […]

3 minuti di lettura
Pubblicato il 25/06/2018 da vmwareitaly

Bank Leumi: la Google del mercato finanziario

Le banche che vogliono avere successo nell’era digitale devono rimuovere gli ostacoli per i clienti e cambiare il proprio linguaggio, come sostiene Ilan Buganim, Chief Technology Officer e Chief Data Officer di Bank Leumi, parte del Leumi Group, il più grande Istituto bancario in Israele. In un’intervista con VMware, IIan ha sottolineato come le banche […]

2 minuti di lettura
Pubblicato il 12/04/2019 da vmwareitaly

Le basi dell’infrastruttura creano un ambiente di ricerca e insegnamento più dinamico per una delle migliori Università italiane

Spesso il settore universitario viene considerato erroneamente come un ambiente statico: materie classiche insegnate in edifici antichi da professori di mezza età a giovani allievi costretti ad assistere a lezioni interminabili. La realtà non potrebbe essere più diversa. “Abbiamo stakeholder molto più esigenti rispetto agli altri settori”, afferma Marius Spinu, CIO dell’Università di Firenze. “Ogni […]

2 minuti di lettura

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

*

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy