Arvato Systems Smartshift consente alle imprese di fare un passo verso la trasformazione strategica dell’IT

Pubblicato il 12/07/2018 by vmwareitaly
NOTA BENE: questo articolo è più vecchio di un anno e potrebbe non essere aggiornato con gli eventi recenti o le nuove informazioni disponibili.

Tutti i settori hanno subito trasformazioni a seguito dell’avvento dell’era digitale, ma alcuni sono stati più rivoluzionati di altri. I settori come i media e il retail hanno visto il cambiamento più sovversivo. Per i professionisti IT attivi in questi settori, come Arvato Systems, questo ha implicato una necessaria modernizzazione del servizio offerto ai clienti.

“A seguito del cambiamento dei modelli di business dei nostri clienti, essi hanno dovuto rivedere i propri processi di sviluppo”, spiega Sören Hühold, head of IT transformation and cloud services di Arvato. “Abbiamo sviluppato i concetti SmartShift per rispondere ai loro bisogni; in particolare, alla loro esigenza di evitare scenari distruttivi. I nostri clienti non vogliono modificare subito l’intera organizzazione: desiderano trasformare il proprio IT un passo per volta, rispettando i propri tempi.”

SmartShift consente una transizione graduale dai data center del cliente ad Arvato System in qualità di loro service provider. “La trasformazione dell’IT è sempre complessa, si tratta di rendere il cambiamento gestibile, frammentandolo in unità sensibili e concentrandosi sui giusti problemi.”

Questo offre ai clienti una maggiore flessibilità, permettendo loro di scegliere esattamente cosa desiderano. In questo modo, ottengono un metodo di outsourcing delle procedure agile, che risponde a tutte le loro necessità.

Questa flessibilità si basa sulle soluzioni vRealize Suite e vSphere 6.5 di VMware. La prima consente ad Arvato di gestire proattivamente lo stato, le prestazioni e la capacità dei servizi IT in diversi ambienti cloud. La seconda è altrettanto ampiamente utilizzata per le sue capacità di automazione e management e per le funzionalità di sicurezza integrate. NSX è un altro componente fondamentale perché, come dichiara Sören Hühold “rende possibile una transizione graduale nella rete”.

Arvato si distingue dagli altri provider di cloud privato per la lunga tradizione come IT outsourcing provider e utilizza da molto tempo VMware nei propri data center. Questo ruolo bivalente di partner e cliente rende Arvato perfettamente consapevole delle capacità del software e del perché debba implementarlo con i propri clienti. “VMware è un partner importante per Arvato,” conclude Sören Hühold “e ci permette di soddisfare le esigenze dei nostri clienti in termini di flessibilità e affidabilità.”


Categoria: Casi di successo, News & Highlights

Tag: , , , , , , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 16/03/2018 da marcoa

Come mettere in sicurezza un ambiente IT in costante cambiamento?

Joe Baguley, CTO EMEA, VMware La sicurezza non funziona se tutto ciò che stiamo facendo è cercare di stare al passo con un panorama in continua evoluzione in termini di minacce e attacchi informatici: saremo sempre un passo indietro. La sicurezza informatica è un argomento caldo per tutti, non solo le grandi organizzazioni e gli […]

Pubblicato il 13/10/2017 da blogsadmin

Lezioni dagli esperti del settore: best practice per l’adozione del cloud

Chris Wolf, Chief Technology Officer di VMware per l’area Global Field and Industry, trascorrere buona parte del suo tempo a fornire consigli a clienti e partner sulle best practice per l’adozione del cloud. Il business prima della tecnologia “Per iniziare, le aziende devono mettere da parte la tecnologia e individuare il problema aziendale da risolvere”, afferma Wolf. […]

Pubblicato il 20/04/2018 da marcoa

Offrire un ecosistema adatto alla trasformazione digitale

A cura di Tom Herrman, VP Global Strategic Alliances, VMware Le aziende sono consapevoli del fatto che la digital transformation non sia un progetto unico e isolato con un inizio e una fine, ma un processo continuo, che richiede l’unione di diversi aspetti di tecnologia, processi e cultura. Da un punto di vista tecnologico, ci […]

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy