Arvato Systems Smartshift consente alle imprese di fare un passo verso la trasformazione strategica dell’IT

Pubblicato il 12/07/2018 by vmwareitaly
NOTA BENE: questo articolo è più vecchio di un anno e potrebbe non essere aggiornato con gli eventi recenti o le nuove informazioni disponibili.

Tutti i settori hanno subito trasformazioni a seguito dell’avvento dell’era digitale, ma alcuni sono stati più rivoluzionati di altri. I settori come i media e il retail hanno visto il cambiamento più sovversivo. Per i professionisti IT attivi in questi settori, come Arvato Systems, questo ha implicato una necessaria modernizzazione del servizio offerto ai clienti.

“A seguito del cambiamento dei modelli di business dei nostri clienti, essi hanno dovuto rivedere i propri processi di sviluppo”, spiega Sören Hühold, head of IT transformation and cloud services di Arvato. “Abbiamo sviluppato i concetti SmartShift per rispondere ai loro bisogni; in particolare, alla loro esigenza di evitare scenari distruttivi. I nostri clienti non vogliono modificare subito l’intera organizzazione: desiderano trasformare il proprio IT un passo per volta, rispettando i propri tempi.”

SmartShift consente una transizione graduale dai data center del cliente ad Arvato System in qualità di loro service provider. “La trasformazione dell’IT è sempre complessa, si tratta di rendere il cambiamento gestibile, frammentandolo in unità sensibili e concentrandosi sui giusti problemi.”

Questo offre ai clienti una maggiore flessibilità, permettendo loro di scegliere esattamente cosa desiderano. In questo modo, ottengono un metodo di outsourcing delle procedure agile, che risponde a tutte le loro necessità.

Questa flessibilità si basa sulle soluzioni vRealize Suite e vSphere 6.5 di VMware. La prima consente ad Arvato di gestire proattivamente lo stato, le prestazioni e la capacità dei servizi IT in diversi ambienti cloud. La seconda è altrettanto ampiamente utilizzata per le sue capacità di automazione e management e per le funzionalità di sicurezza integrate. NSX è un altro componente fondamentale perché, come dichiara Sören Hühold “rende possibile una transizione graduale nella rete”.

Arvato si distingue dagli altri provider di cloud privato per la lunga tradizione come IT outsourcing provider e utilizza da molto tempo VMware nei propri data center. Questo ruolo bivalente di partner e cliente rende Arvato perfettamente consapevole delle capacità del software e del perché debba implementarlo con i propri clienti. “VMware è un partner importante per Arvato,” conclude Sören Hühold “e ci permette di soddisfare le esigenze dei nostri clienti in termini di flessibilità e affidabilità.”


Categoria: Casi di successo, News & Highlights

Tag: , , , , , , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 15/03/2018 da marcoa

Come ottenere il massimo dal data center grazie ai rapidi e potenti VMware HCI Kit

I clienti ci spiegano che il motivo principale per cui preferiscono VMware vSAN rispetto ad altre soluzioni è che “si integra perfettamente con vSphere”. Quando chiediamo quali siano i vantaggi chiave, la maggior parte dei clienti indica la semplicità di gestione e il risparmio di tempo, realizzabili grazie all’integrazione con vSphere. Non sorprende quindi che […]

Pubblicato il 05/08/2019 da Raffaele Gigantino

Ecco come possiamo migliorare la fiducia nella sicurezza IT

Nonostante l’aumento degli investimenti nel settore, il recente studio condotto da Forbes Insights per VMware ha rilevato che solo un quarto dei responsabili aziendali in tutta l’area EMEA è ottimista sulla situazione della sicurezza informatica nella propria organizzazione e meno di un quinto in Italia (22%) è fiducioso nella preparazione  del proprio personale nell’affrontare i […]

Pubblicato il 25/07/2017 da blogsadmin

“Il mio VMworld”: i ricordi di David Baldinotti, Computer Gross

David Baldinotti, Business Unit Manager di J.Soft, divisione software di Computer Gross Il primo VMworld al quale ho partecipato è stato quello del 2012 di Barcellona, era un momento in cui il tema legato alla virtualizzazione dell’infrastruttura stava andando a una velocità clamorosa. Intorno al Software-Defined Data Center c’era un forte interesse e tutti avevamo […]

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy