Superare gli stereotipi – perché è necessario andare oltre i preconcetti per costruire una forza lavoro diversificata

Pubblicato il 21/05/2018 by marcoa
NOTA BENE: questo articolo è più vecchio di un anno e potrebbe non essere aggiornato con gli eventi recenti o le nuove informazioni disponibili.

Crescendo, la maggior parte dei bambini ha grandi e ambiziosi sogni su ciò che desidera diventare. Che sia un poliziotto, una star del cinema, un atleta professionista o un dottore, i bambini sono attirati da queste professioni per caratteristiche che sentono di condividere o vogliono incarnare. È interessante quanto a lungo queste idee preconcette possano rimanere valide. Per molti sono ancora esistenti nel momento in cui cercano di entrare nel mondo del lavoro, sia che abbiano lasciato la scuola sia dopo la laurea. Considerate il numero di stereotipi in gioco quando osserviamo diversi settori: PR e marketing sono visti come lavori creativi, fumosi; quelli in ambito legale o finanziario come determinati e ad alta pressione; la tecnologia come piena di nerd, per lo più di sesso maschile.

Quanto spesso sentiamo dire che le persone non considerano neppure di intraprendere un lavoro nell’IT o nel più ampio settore della tecnologia perché non possiedono una laurea in informatica o non sono andati all’università? È una sfida che dobbiamo superare. Come sostiene Joe Baguley in un post di qualche mese fa, “Le imprese devono…creare un ambiente in cui le persone possano essere le migliori versioni di se stesse e fare il loro lavoro nel migliore dei modi…Spesso, questo potrebbe significare allontanarsi dagli approcci tradizionali”. Quando la tradizione significa forza lavoro maschile, vuol dire costruire un futuro con una forza lavoro più diversificata.

In VMware stiamo attivamente cercando nuovi modi di attrarre e mantenere una forza lavoro diversificata. Vogliamo continuare a crescere e godere di un successo continuativo, e sappiamo che questo può essere raggiunto solo assumendo i dipendenti migliori e i più brillanti, indipendentemente da genere, razza o etnia. Per fare questo, dobbiamo pensare a come attrarre questo talento “non tradizionale”. Dobbiamo essere sicuri di offrire un ambiente lavorativo che supporti persone provenienti dai più diversi background, che comprenda flessibilità o telelavoro, programmi di mentoring o avere le persone giuste nelle posizioni senior che possano agire da modello. Il nostro ultimo Carpool Tech Talk dimostra come stiamo cercando di andare oltre al tradizionale pool di talenti nella tecnologia per trovare persone che possano aiutarci a fare la differenza – nel video, Kirsten Cox, Marketing VP in EMEA, e Liz Cane, Head of HR in EMEA, raccontano come si sono ritrovate nel settore. Come vedrete, ognuna di loro ha intrapreso una strada diversa, poiché Liz ha una laurea in agraria e Kirsten è entrata nel settore a seguito di un programma per laureati.

Come racconta Liz, lei ha potuto beneficiare di un enorme supporto e di una struttura che non aveva trovato spesso nelle aziende da cui proveniva. È quel sostegno che aiuta a costruire un ambiente in cui persone con i background più disparati possono prosperare e avere successo. Nel suo post, Joe parla di colleghi tecnici con studi in filosofia o nessuna educazione formale oltre la scuola, mentre il nostro VP e general manager per il Nord Europa, David Parry Jones, ha una laurea in fisica e ha lavorato sulle piattaforme petrolifere e nell’insegnamento prima di entrare nelle vendite IT. Non c’è un “giusto” percorso di carriera, esattamente come non esiste un “giusto” genere, razza o etnia – ciò che conta è trovare persone che possano trarre beneficio e contribuire a una cultura diversificata e di successo.

Volete saperne di più? Visitate la nostra pagina Careers per trovare il ruolo adatto a voi.

Guarda questo video su YouTube


Categoria: News & Highlights

Tag: , , , ,

Articoli correlati

Pubblicato il 07/11/2019 da vmwareitaly

VMworld 2019 Europe – DAY 2

Il secondo giorno del VMworld 2019 Europe è stato grandioso! ? Nella sessione di apertura di ieri mattina, Ray O’ Farrell, Executive VP di VMware, ha parlato delle sfide che le aziende devono affrontare nel percorso per la digital transformation, oggi e per il futuro. È stata l’occasione per spiegare come sfruttare al meglio l’infrastruttura […]

Pubblicato il 26/09/2018 da vmwareitaly

L’Università di Pisa punta sulla virtualizzazione per una crescita sostenibile del data center

Ateneo di antica tradizione, l’Università di Pisa evolve la propria infrastruttura ICT nel segno del software-defined data center. La nuova infrastruttura, basata anche su tecnologie di virtualizzazione VMware, prevede tre siti di produzione principali, a cui si aggiunge un quarto dedicato ai sistemi di ricerca e sviluppo, in configurazione di alta affidabilità e sicurezza. Con […]

Pubblicato il 06/12/2018 da vmwareitaly

Perché la separazione logica è importante e come applicarla nel software?

Come si può usare il software per separare gli ambienti di sviluppo, test e produzione in modo da risparmiare fino al 50% dei costi di infrastruttura? Joe Baguley, VP & CTO EMEA, VMware   La sicurezza è sempre stata un dovere, una necessità per le imprese e per la civiltà stessa. Senza un castello fortificato, […]

Commenti

Ancora nessun commento

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.

This site uses cookies to improve the user experience. By using this site you agree to the privacy policy